Maurizio Carbonera: “si prosegue con un gioco sporco”

MANIFESTOCARBONERAVorrei fare alcune considerazioni in merito ad alcune vicende che hanno riguardato, in questo caso, l’Assessore David Arboit. Rattrista verificare che si prosegue con un gioco sporco, con comunicazioni che alterano gli eventi, le notizie, con comportamenti di chi costruisce pezzo dopo pezzo quello che non è mai accaduto. E’ un girone infernale che ha riguardato a rotazione tutti noi che ci siamo interessati di questo territorio come Amministratori Pubblici. Sembra quasi uno scotto da dover pagare rispetto alla colpa di aver voluto impegnarci nella cosa pubblica, una verifica sulle capacità di resistenza da parte delle persone coinvolte. E’ un piano inclinato che non ha un suo limite ma che fa rotolare la politica sempre più in basso nella considerazione dei cittadini rendendoci più indifferenti al vivere insieme, facendoci sentire sempre più poveri di fiducia.

La pioggia di commenti sulla rete moltiplicano gli effetti di quello che viene scritto in un crescendo di illazioni e supposizioni che ricordano il vecchio gioco del telefono senza fili, dove in cerchio veniva pronunciata una parola nell’orecchio della persona vicina ed arrivava, al termine della catena, una parola molto peggiore. C’è in giro troppa gente dalla digitazione veloce e dal cervello lento.

Alla mia età una delle cose che ho capito è che quasi mai la velocità è un buon sintomo. Tante volte maschera il vuoto che si staglia dietro alle parole espresse in libertà.

Invece bisognerebbe essere interessati a fare politica, nel senso nobile del termine: mettersi in gioco, caricarsi delle scelte, rendersi responsabili.

Il ruolo di controllo e di verifica delle persone che coprono incarichi pubblici, da parte dei cittadini, risulta indispensabile ma la “creanza” che significa rispetto, educazione, attenzione all’altro, risulta altrettanto indispensabile per poter cercare di costruire condizioni che ci permettano di vivere meglio dove abitiamo.

Questo non toglie che se ci sono situazioni da denunciare, anche alla Magistratura, ci si attivi come ho fatto in passato e continuo a fare oggi.

                                                                           Maurizio Carbonera

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...