#Buccinasco: buone feste ma…

solidakleAnche in questo periodo che dovrebbe essere di festa e serenità, il mio pensiero di amministratore pubblico va ai miei concittadini in difficoltà, a chi soffre, a chi è senza lavoro, a chi viene discriminato per pregiudizio e speculazione politica… la mia frustrazione è grande, vorrei fare tante cosa che non posso fare.

Anche per questo, come potete vedere nelle strade, non abbiamo messo luminarie comunali, sarebbero costate molto, abbiamo fatto la scelta politica di eliminare qualsiasi spesa inutile a favore degli aiuti alle famiglie. Il Comune quest’anno ha messo a disposizione 120 mila euro per chi è in difficoltà a causa della crisi economica, accogliendo 180 delle 228 domande pervenute.

Non ci saranno le luci del ‘comune’, ma il Natale sarà comunque illuminato dalle tante iniziative che animeranno la città a partire dal prossimo fine settimana in varie zone di Buccinasco. A Romano Banco (in via Roma, davanti al Municipio) domenica 14 dicembre il Gas La Buccinella propone il mercato “Buccinasco km0” dalle 9 alle 13 con le bancarelle dei produttori locali ospiti nei mesi scorsi dell’area esterna del CCAB: ortofrutta, carni, formaggi, salumi, prodotti cosmetici, dolci, pane, uova, birre, vini, miele, prodotti equo-solidali. E per tutta la giornata – fino alle 18 – saranno presenti anche le creazioni artigianali della Compagnia Arti & Mestieri.

Alle 17 all’Auditorium Fagnana si esibirà la Banda Civica G. Verdi di Buccinasco, proponendo musiche natalizie e tradizionali. Sabato 13 e domenica 14 alla Cascina Robbiolo, invece, ci sarà la tradizionale festa dell’associazione AMI – Amici Missioni Indiane, con mercatini, film e laboratori per bambini (domenica alle 18 è previsto anche l’arrivo di Babbo Natale).

Le iniziative proseguiranno anche la settimana successiva: martedì 16 la festa del corso di balli popolari della Banca del Tempo e dei Saperi aperta alla cittadinanza (Cascina Robbiolo, ore 21), sabato 20 “Aspettando Babbo Natale”, festa per bambini promossa dall’Accademia dei Poeti Erranti (Cascina Robbiolo, ore 15.30), domenica 21 il tradizionale Presepe Vivente (Gudo Gambaredo, ore 15.30) e in serata il grande spettacolo “Un Natale per la Pace” a cura di Seven Notes School, l’Associazione culturale “Messinscena” e la Croce Rossa di Buccinasco (Auditorium Fagnana, ore 21).

Rino Pruiti
Vice Sindaco
Buccinasco MI

20 thoughts on “#Buccinasco: buone feste ma…

  1. Vocedelsindaco!
    CHE TRISTEZZA!
    Anche quest’anno non avete messo le luminarie. La gioia dei nostri Bimbi, coi lucciconi agli occhi.
    Avete deluso le Nostre e le Loro aspettative, e ricorderanno i Natali della la vostra gestione come i più avari, gretti, pidocchiosi, (taccagni rognosi, spilorcii, e tirchi, nei loro confronti.
    Anche Bimbi hanno i loro DIRITTI e soprattutto; Memoria.
    Tutto per un pugno di euri, Sprecati da altre parti.
    Quando passo la sera davanti al Terradeo illuminato a giorno…..(Tzèh)!

    “La politica non mi interessa, è affare del demonio. I politici giocano con la testa delle persone e dei loro bambini. Mai giocare con la teste dei bambini”.
    (Bob Marley)

  2. “Nella notte di Natale, la Madre che doveva partorire non trovò per sé un tetto. Non trovò le condizioni, in cui si attua normalmente quel grande divino ed insieme umano Mistero del dare alla luce un uomo” [Karol Wojtyla]

  3. A Buccinasco non è solo l’amministrazione comunale che non accende le luci,ma sono d’accordo con Pruiti.

  4. La gioia i bimbi la trovano in ben altre cose … non nelle luminarie comunali ma nel calore della famiglia, nella considerazione e nella condivisione di bei momenti con i propri genitori e amici … Facciamo fare loro l’albero o il presepe, facciamo con loro oggetti di pasta di sale e disegni con i brillantini …. Oppure non facciamo fare loro queste cose altrimenti si sporcano i vestiti, oppure ci interrompono mentre guardiamo la TV o ci portano via troppo tempo dal nostro cellulare? Accusare gli altri per cose veramente piccole facendosi scudo dei bambini sinceramente non lo capisco proprio.

  5. Peccato che il Comune di Buccinasco ha in deposito diverse migliaia di euro di luminarie nuove di pacca MAI UTILIZZATE.
    Ma se sono stati spesi soldi per acquistarle , perché non utilizzarle. Certo montarle costa, il consumo di luce costa, ma forse ci accorgeremmo anche a Buccinasco che arriva il Natale cosi come nei paesi limitrofi.
    Inoltro ,e’ da circa 30 anni che si fa il Presepio Vivente a Gudo Gambaredo, ma il Comune non spende un centesimo per pubblicizzarlo e renderlo conosciuto a tutti anche se , grazie a molte persone che si dedicano a questo, molti arrivano da zone limitrofe a vedere questo splendido avvenimento

  6. Roberto Vis. , verò, la Giunta Cereda ha acquistato le luminarie ma i costi veri sono l’istallazione e la rimozione. A Buccinasco ci sono 300 famiglie in difficoltà, frega qualcosa Rorberto? Ci pensi tu? No vero? Importante è avere le lucette , poi se in tavola manca il pane il problema è di quei genitori e non tuo vero? Natale dovrebbe essere festa religiosa CRISTIANA! Il presepe viene pubblicizzato e PATROCINATO come tutte le altre iniziative meritevoli chwe vengono fatte a Buccinasco Italia

  7. Spiritoso…chiedi ai Paesi vicino come fanno.,…Se tutti hanno le luminarie e aiutano le famiglie forse lavorano meglio…Oppure aumentiamo le rette scolastiche e degli asili?

  8. Non so Roberto, non metto becco, ma ho sentito di un comune limitrofo denunciato e condannato dalal corte dei conti per aver alterato il bilancio relativo al patto di stabilità, un altro deve restituire un sacco di soldi dovuti ai dipendenti,,, non so, noi siamo così, se preferisci amministratori che mettono le lucette basta votarli alle prossime elezioni.

  9. Rino e il mio caro Roberto: avete ragione tutti e due. Prima le famiglie in difficoltà non si discute, ma dico possibile che non si riusciva a trovare un pochino di soldi per 4 luminarie alla chiesetta (nemmeno la chiesetta S. Biagio illuminata quest’anno, vergogna!!! ) e per Romano Banco…dai, non ci posso credere! Così sembra proprio un mortorio e una città dormitorio. Io non dico di buttare i soldi, ma dai facciamolo…beh….almeno per i bambini, la nuova generazione. Altrimenti scriviamo la letterina a Babbo Natale Renzie : vogliamo i TOMBINI DI GHISA, ma puliti dalle foglie. Ciao!

  10. Vocedelsindaco
    Avete i magazzini piene di luminarie ma i costi veri sono l’istallazione e la rimozione delle stesse? E’ questo il problema?
    Di facile soluzione!
    Ci sono 120 ..e oltre sinti, al Terradeo, che si “girano i pollici”. Tutte famiglie bisognose, senza reddito, assistite dal comune.
    FATELI LAVORARE!! Almeno per questi lavori utili alla comunità. (Altro che ciclofficina)
    IL Nostro vece e voce del sindaco avra le PALLE per imporre tutto questo??
    Mah!!
    A vederle.

  11. continuo ad essere solidale con Pruiti, ,mi interessa di piu’ sapere che qualcuno possa avere un Natale sereno che 4 lucette, sia pur belle.

  12. Peppe grazie. Ma le polemiche non sono in realtà sincere, la verità è che abbiamo degli oppositori a prescindere, indipendentemente dai fatti, se avessimo messo delle bellissime luminarie ci avrebbero criticato come spreconi… una opposizione sempre più becera, disperata e marginale. Peccato però

  13. Rino mi dispiace ma non è questo il modo per far capire che ci sono problemi ( crisi ) a Buccinasco : nessuno vuole pararsi dietro ai bambini o fare i bambini perché non ci sono le lucette in giro però è anche vero che ogni cosa non è sempre polemica o lamentarsi.

    Per me la polemica su queste cose è quando sento dire che bisogna togliere i crocefissi dalle scuole per rispetto di chi deve integrarsi , non mettere le luci di natale in certi comuni anche di altre città di altre regioni perché non è rispettoso per chi non è italiano , questo genera polemica e lamentele.
    Lasciami dire : cosa faccio per guardare sempre i problemi che stanno fuori dalla porta di casa mia adesso le tolgo anch io le luci , anzi togliamole tutte le luci dai balconi ( chi le ha messe ) anche perché a sto punto non diventa più un piacere ma un benefit.
    Cos’è sempre sta moda di vivere sulle disgrazie degli altri : così è più facile placare gli animi
    E’ come dire che il lavoro è una fortuna , non esiste , il lavoro è un diritto di tutti ma credo che si dica questo sempre perché abbiamo la fortuna di andare a lavorare per pagare prima di tutto tasse su tasse.
    E vero c’è gente che è davvero in difficoltà ma sai quanti conosco che , nonostante abbiamo perso il lavoro o sono in cassa integrazione , si sono andati a comprare la macchina nuova però … hanno problemi.
    Sai cos’è stato più facile sentirmi dire da chi è in difficoltà ?? Che io vado in giro con le Lacoste , con il macchinone , che riesco a mantenere due figli … alla faccia !!!!!!!
    Ti garantisco che io ci sono stati in questi problemi familiari fin da piccolo soprattutto senza padre in casa dall’ età di otto anni , non è bello , ma non per questo mi è stato insegnato che se quello ha un problema non devo averlo anch ‘ io , anzi nella vita bisogna lottare e fare sacrifici anche quando si pensa di star bene.

    Tanto sappiamo che possiamo fare kilometri di commenti ma le luminarie quest’ anno niente speriamo almeno nell’ anno prossimo.

    Parlare di comune sprecone è esagerato anzi ci sarebbe stata la dimostrazione una volta di più che il comune non fa distinzioni e che sta vicino a tutti soprattutto con le cose basilari .

  14. Andrea, tu e spero pochi altri, confondi i ruoli e le azioni. Io a casa mia ho messo le luci, ho fatto grande albero e per Natale spenderò soldi e mi strafocherò di cibo buono, un po lo faccio per me, un po lo faccio per figlio e famiglia. Come privato cittadino me ne posso fottere del resto del molto finchè me lo posso permettere (non lo faccio perchè ho i miei principi).

    Come pubblico amministratore no, cambia tutto, sono stato stravotato e ho chiesto consenso in maniera chiara su di un programma. Nel mio caso si sapeva benissimo cosa sono e come la penso.

    La polemica non mi spaventa ne preoccupa, per uno che si lamenta incontro 100 che dicono bravi! Non è la polemica il problema.

    Come amministratore pubblico devo rispettare in maniera sacra i soldi che spendiamo, DECIDERE LE PRIORITA’, agire di conseguenza.

    Ti preannuncio che anche anno prossimo, stante la situazione, mi opporrò alle luminarie che costano 30 mila euro !!! Come sempre concederemo a tutti quelli che le vogliono mettere di farlo, dando anche la corrente.

    Ripeto: quando si voterà, ammesso che io abbia voglia di rincandidarmi e oggi non ho voglia, non votarmi, io non cambierò mai.

  15. Rino il discorso è sempre soldi e voti e polemiche che non preoccupano ?
    Pensavo di fare discorsi ed esprimere pensieri da grandi.
    Va bene .

  16. Andrea, appunto, io sto seguendo il tuo ragionamento, non credo tu faccia polemiche sterile e ti ho risposto. Anche in questo caso io rispondo da amministratore e non da privato cittadino. Non me la prendo certo con chi sta bene , mai fatto, chi lavora onestamente ha tutti i diritti del mondo per me, anzi ammiro chi ha successo nella vita. Però per me DEVONO venire prima gli ULTIMI nelle mie priorità amministrative, altrimenti qui ci può stare qualsiasi burocrate statale.

  17. TRENTAMILA EURO BEN RISPARMIATI.

    Chi ci tiene così tanto alle luminarie trovi le braccia dei volontari che le montano gratuitamente dato che quando vogliono sanno organizzarsi benissimo…..!!

    Buon Natale a tutti…..

  18. Alla fine alla Chiesetta le “quattro luminarie”, citate da RobeNORD, sono state messe! Su un albero. Da chi? Boh? Sicuramente da un artista!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...