#Buccinasco : Via Resistenza. Nuove attività, vecchissimi problemi

BuccinascowelcomeDopo aver provato ad analizzare le mille sfaccettature del centro di Corsico, una volta salotto buono ed oggi zona da tutelare e da far ripartire in qualche modo, in questo numero il punto di riferimento dell’inchiesta è stato Buccinasco.

Vorremmo poter dire che ci siamo occupati del “centro di Buccinasco” ma non possiamo: la prima constatazione da fare, sotto gli occhi di tutti, è che infatti in questo Comune un centro, semplicemente, non esiste.

Per la maggior parte delle persone, la zona centrale è riscontrabile con quella in cui si trovano Comune e Polizia locale. Per altri, l’emergente via Resistenza è degna di considerazione in tal senso ed offre un polo commerciale importante, se unito anche alla vicina via Emilia. La realtà è che si sta ancora cercando di crearne uno, andando sostanzialmente contro la natura urbanistica con cui è cresciuta Buccinasco negli ultimi decenni.

Osservare & Descrivere Buccinasco appare quasi come un ibrido insomma: vicina alla città ma non abbastanza per essere pienamente una città. Collegata con i mezzi pubblici a Milano nelle ore giornaliere, per nulla o quasi durante quelle notturne. L’idea di desolazione in tali orari è percepibile: lo sconforto nel muoversi a piedi alle sette di sera in strade buie e senza anima viva è il sentimento predominante. Non c’è molta vitalità e anche il mercato del sabato in zona via Emilia nulla può competere con quelli presenti a Corsico, in piazza Europa così come in piazza Petrarca. Soltanto nel mercato di domenica, quando presente, c’è un po’ di movimento, con tante persone e famiglie che passeggiano per strada e si guardano attorno alla ricerca di qualche buona opportunità.Le attività commerciali, in linea generale, aumentano a vista d’occhio nonostante le difficoltà e i problemi; in particolare, in via Resistenza. Qui si susseguono discount, negozi di alimentari, concessionarie auto: il tutto è caratterizzato da un aspetto comunque molto industriale e del resto questa zona in passato ha ripreso un po’ di vita solo grazie alla conversione della zona industriale in commerciale.Ad ogni modo, in generale, la crisi c’è ed è forte. Gli acquirenti sembrano quasi scomparsi. Se il “centro” dovesse idealmente essere visto quasi come casa propria, questo a Buccinasco non accade.

La maggior parte delle persone lo avverte e preferisce spostarsi in massa, specialmente durante i week end, nei centri commerciali, punti di approdo della transumanza del lavoratore stressato.

Ascoltare Proprio i centri commerciali, infatti, sono i grandi nemici dei negozianti dell’area commerciale sita in via Emilia e via Resistenza. In molte ore del giorno, come detto, solitudine è forse il termine più appropriato (salvo rare eccezioni) per descrivere la situazione e non avere punti di riferimento uccide anche i rapporti: non è un caso, infatti, che molti dei commercianti abbiano preferito non rispondere alle nostre domande, evitando addirittura in modo preliminare il dialogo. In un contesto così complesso, insomma, molte volte a rimanere è solo il traffico delle macchine di passaggio, con un unico fastidioso compagno: il problema del parcheggio! Qualcuno, però, ha risposto. C’è chi ha fatto fatica ad ammettere che “le cose non vanno” e chi come la titolare della cartoleria “Giacarta”, in via Emilia, racconta che nemmeno settembre, mese solitamente più attivo visto l’inizio delle scuole, ha dato quello slancio ai guadagni che, giustamente, ci si aspettava in un periodo nero.

La proprietaria di “Intimidea” invece è anche più scoraggiata, ma disposta a dire la sua: “Sono preoccupata per il futuro, perché la clientela di zona spesso non c’è. In alcuni periodi a sostenere le mie entrate sono solo ed esclusivamente coloro che mi conoscono da sempre e che quindi mi vedono come punto di riferimento di fiducia”.

Spostandoci in via Resistenza, il gestore del bar e negozio specializzato per celiaci “Mamey”, invece, si è lamentato per l’appunto del parcheggio. Una questione problematica nella sempre intasata via Resistenza, alla quale va aggiunta la “normale” crisi.

Come si “resiste” di notte nella via Resistenza? Dopo le 20, circa, la via Resistenza si svuota. A rimanere aperti sono in pochi e specialmente durante la settimana la strada è sempre priva di autovetture e di traffico di ogni tipo. Allargandoci alle vie limitrofe, la situazione è simile.

Predomina il Dromokart, unico aperto di sera sulla via Emilia, oltre a qualche ristorante in zona. Per il resto, nelle sere si notano tanti lunghi periodi di silenzio, tante sono le tapparelle abbassate con la luce soffusa delle case a fare da padrona e poche le persone in giro. Rimangono i soliti immancabili motorini che scorazzano per le vie che vanno tra il complesso residenziale “Il Mulino Bianco” e il quartiere dei musicisti. La sensazione è che appena cali la notte a Buccinasco succedano molte cose, ma che si faccia di tutto per non notarle. In quest’atmosfera per metà pesante e per metà desolante, colpisce positivamente l’apertura di un nuovissimo locale: ci riferiamo al Jazz Club Music di via Modena, zona Romano Banco, inaugurato l’8 novembre scorso. Una scelta coraggiosa aprirlo in questo periodo e in questa zona, che ci auguriamo venga premiata e che possa fare da tramite per una nuova vita di questo (non) centro.

Commentare Questa volta non ci permettiamo nemmeno di scrivere un commento. Finiremmo per ripeterci. Ci sentiamo però di chiudere con un monito. Il Natale sta per arrivare e già da ora alcuni negozi si stanno attrezzando per mostrare le novità legate a questo particolare periodo dell’anno. Che dire, fermatevi dai piccoli commercianti per i vostri regali, date attenzione a chi finora non ne ha avuta durante i vostri acquisti, provate ad esplorare negozi che nemmeno potete immaginarvi possano esserci in vie dove passate tutti i giorni. Molto semplicemente, vivete commercialmente il quartiere dove abitate, con tutti i pro e i contro che questa scelta possa portare.

A cura di Davide Mamone, Roberta Campagna, Stefano de Nigris

Si o No Magazine del 15 novembre 2013

Annunci

12 thoughts on “#Buccinasco : Via Resistenza. Nuove attività, vecchissimi problemi

  1. fino a quando insisteranno in zona chiesetta alcune industriette rumorose e il dromokart, lasciate ogni speranza

  2. Meno male che Buccinasco non ha un “Centro città” altrimenti oggi avremmo gli stessi identici problemi che ha il “centro città” di Corsico!!

    A Buccinasco ed in moltissime città moderne si vive benissimo anche e soprattutto senza un “vietatissimo” Centro città !!
    L’agognato Centro città di Buccinasco è la più grande bufala usata dai nostri politici negli ultimi 40 anni…..e ce la vogliono rifilare anche al giorno d’oggi!!
    Tornando al’articolo del SIoNo l’inchiesta tira in ballo i commercianti, alcuni addirittura restii a rispondere alle domande dei giornalisti.Si accenna al problema del parcheggio che però è l’unico problema che a Buccinasco non c’è,come il problema del traffico che non c’è…!! Addirittura un commerciante di via Resistenza si lamenta del parcheggio quando invece gli hanno appena costruito un enorme parcheggio proprio di fianco alla sua attività con il piccolo particolare che il nuovo parcheggio serve soprattutto per i nuovi meganegozi e che comunque gli porta una marea di potenziali clienti nei pressi e quindi non capisco di che cosa ci si possa lamentare….forse che davanti alla sua attività adesso vi parcheggia chi và da un’altra parte e non da lui, mentre prima regnava la tranquillità assoluta ….!

    Restando alla categoria dei commercianti molto probabilmente qualcuno di questi,anzi la stragrande maggioranza di quelli sopravvissuti alla crisi e non nuovi, deve anche fare mea culpa dato che nel 2004 era sorto un vero e proprio “Comitato Commercianti ed imprese della Chiesetta” che era riuscito ad evitare l’attuazione dei famigerati sensi unici sulle vie principali di Buccinasco..via Resistenza e via Lomellina in primis…. e quella bellssima esperienza di partecipazione è terminata clamorosamente una “bella sera” in cui i partecipanti alla riunione,per alzata di mano, hanno preferito vedersi restituita la modica cifra di 20 euro a testa invece di lasciare i soldi in cassa e proseguire con il Comitato con nuove iniziative come suggerito a gran voce da qualcuno di noi che vedeva nella prosecuzione dell’esperienza una seria tutela dei nostri interessi di fronte a qualsiasi futura Amministrazione.
    Adesso è tardi per lamentarsi…..!!

    Nell’articolo si accenna all’area Dromokart,unica area aperta la sera. Io toglierei la recinzione sostituendola con altra più moderna che renda l’area a parcheggio ben visibile e fruibile anche al sabato da chi frequenta il mercato con un’ulteriore ingresso anche pedonale da via Gobetti per il mercato del sabato.

    Dell’articolo mi è piaciuto molto l’invito a frequentare i piccoli negozi che contribuiscono a dare un’anima al nostro paese e lo rendono vivo!!

  3. Vedo che i commenti “si sprecano”…e allora aggiungo una mia considerazione.
    In via della Resistenza nel nuovo “ritrovo commerciale” mi sarebbe piacuto trovare almeno un locale aperto alla sera che tra l’altro avrebbe avuto l’intero parcheggio a disposizione…..!!
    Se poi i luoghi di ritrovo serali erano due…meglio ancora anche perchè il parcheggio durante il giorno rimaneva meno “conteso”…!!
    Era il posto perfetto per il nuovo locale JAZZ CLUB MUSIC di via Modena che è ubicato comunque con una ottima possibilità di parcheggio ma in una zona copletamente anonima e comunque a ridosso anche delle abitazioni i cui residenti hanno la bella abitudine di trovare l’ampio parcheggio bello libero alla sera…..!!!
    Credo che in zona le belle abitudini, almeno per qualche sera la settimana cambieranno in fretta se il locale avrà la fortuna di decollare…..!! Auguri.

  4. Colgo l’occasione per segnalare che nel tratto di Via Resistenza iniziale, di fronte al Lidl, esiste un parcheggio, che ospita il mercato del mercoledi, assolutamente sottoutilizzato per impossibilita’ di accesso diretto dalla via resistenza.
    Tale accesso faciliterebbe il parcheggio di tutti i clienti delle attivita’ adiacenti.
    Lavoro di poco costo che mi risulta deliberato ma non realizzato.

  5. Sig. Giustino, una volta la via Bologna usciva proprio lì in via Resistenza ma per evidenti problemi di sicurezza stradale si è preferito, giustamente secondo me, chiudere l’uscita sulla via Resistenza . Quando c’è il mercato del mercoledì tutti parcheggiano nel parcheggio del Lidl che è evidentemete penalizzato ben due volte perchè i potenziali clienti vanno al mercato invece di andare al Lidl e gli tolgono pure i posti auto dei veri loro clienti che non trovano posto….!!

    Forse in zona la soluzione anche temporanea potrebbe essre quella di poter utilizzare come parcheggio l’area inquinata e posta sotto sequestro lì adiacente mettendoci sopra del ghiaietto o altro matreriale ma credo che sia una cosa impossibile e comunque che costa…..!! Ma il Vicesindaco può chiarirci meglio le idee su cosa si può fare e cosa no…!! C’è anche l’area dell’ex vivaio che forse si potrebbe temporaneamente utilizzare a parcheggio…o no ??

  6. Per quanto riguarda la possibilità di creare un vero “centro cittadino” ubicato in zona Chiesetta mi risulta che siano iniziati degli studi di fattibilità aperti anche al contributo dei cittadini. Ci puoi cortesemente aggiornare Rino sullo stato di avanzamento di questo progetto ? Grazie.

  7. Marco, si sono esaminati i progetti dei giovani architetti che hanno partecipato al concorso. Questi spunti saranno tenuti in considerazione quando i privati presenteranno eventuali piani attuativi, stavamo pensando ad un masterplan generale. Quello che si vuole evitare è di fare progetti che poi non trovano ricadute sulla volontà dei proprietari, cioè sarebbero concretamente inutili. work in progress

  8. Marco, Rino ti stà dicendo che c’è qualcuno che sogna di fare qualcosa sulla proprietà altrui ma nessuno gli ha chiesto prima cosa ne pensa lui, il proprietario….!!! Work inutil…..!!

    P.S.
    Sono decenni che ormai ci pigliano per il culo nello stesso modo….!!

  9. Roberto la proprieta’ privata e’ sacra. Nessuno puo’ obbligare nessuno a fare nulla. Pero’ possiamo cercare di proporre un modello di sviluppo urbanistico sostenibile

  10. Magari scrivo una cosa impossibile dal punto di vista della opportunità e della fattibilità.
    Provo a proporre, al fine di collegare al piccolo centro commerciale del Sigma di via Resistenza la zona di via Guido Rossa/Tobagi, l’apertura di un accesso solo pedonale/ciclabile dalla via Salvo d’ Acquisto, dove confina la recinzione del supermercato. Questo potrebbe favorire un minor uso dell’auto per la spesa quotidiana

  11. Via della Resistenza, soprattutto nella parte verso Corsico, diventa ogni giorno di più lo scarico di Buccinasco, qui c’è tutto… parcheggi intasati (a parte la notte), passaggi pedonali che convivono con il continuo passaggio di mezzi pesanti e tir, marciapiedi e passaggi ingombrati da pubblicità, immondizie esposte per giorni interi, soprattutto la domenica, E noi dovremmo farci le nostre passeggiate, ma per favore! Nessuno si rende conto del caos che c’è? Ultimamente è stato anche eliminato un tratto di divieto di sosta, bene, forse si è ufficializzata una situazione di fatto che creava momenti di tensione? Così però lo spazio per i pedoni è sempre meno!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...