#Buccinasco : Sopralluogo a casa Pruiti. Tutto regolare

Postato il

House HuntingSi o No Magazine – Il giornale dei Navigli - In un comune di 27.000 abitanti circa, ci sono: un dipendente anonimo del Comune, un blogger, un consigliere d’opposizione e due di maggioranza.

Detta così, sembra l’inizio di una barzelletta. In realtà, questi sopra elencati sono gli strani protagonisti della vicenda che sta tenendo banco a Buccinasco. Il vero oggetto del contendere è rappresentato da alcuni documenti che per l’appunto sono usciti fuori dal Comune e che dopo un lungo (e non naturale) peregrinare sono tornati,

caramba

dalle mani dei protagonisti di cui sopra a quelle dei Carabinieri, e quindi dell’ente stesso.

Sono documenti relativi ad alcuni lavori che il vice sindaco di Buccinasco, Rino Pruiti, dovrà fare all’interno della sua abitazione. Interventi che pare siano stati richiesti dalla società per la quale è dipendente: il motivo? La possibilità da parte sua di poter intraprendere una parte delle sue mansioni professionali direttamente da casa (più semplicemente, dicesi “telelavoro”).

Gli Uffici tecnici del Comune hanno richiesto nelle scorse settimane al vice sindaco l’autorizzazione per un sopralluogo della Polizia Locale, a casa sua. Il tutto per una verifica circa eventuali abusi edilizi legati a quei lavori, che poi in realtà non sono stati minimamente riscontrati. Da quel che si sa oggi, si è trattato insomma di una procedura di controllo, seppur poco spesso esplorata in questi casi. Nulla di più scandaloso. Si sa, però: a Buccinasco c’è sempre la tendenza a complicarsi la vita.

Un caso unico
quanto accaduto in quel di Buccinasco ha evidentemente portato a delle reazioni. Tra tutti è voluto intervenire così Rino Pruiti: “mi viene da sorridere, è davvero incredibile che si possa ingigantire una vicenda del genere, in questo modo sensazionalistico”. il vice sindaco ha spiegato: “ho fatto una veloce verifica su internet, una verifica che tutti possono fare e ho scoperto di essere l’unico amministratore in tutta italia ad essere stato sottoposto ad un sopralluogo della polizia locale di questo tipo, per ragioni del genere. gli altri che lo avevano ricevuto su richiesta dell’ufficio tecnico erano accusati o indagati di aver fatto costruire abitazioni intere in luoghi non autorizzati, come spiagge o aree verdi; nel mio caso non si è trattato altro che di semplicissimi lavori per questioni strettamente professionali, che tra l’altro non ho ancora iniziato” ha proseguito Pruiti, concludendo: “sono sicuro che l’ufficio tecnico utilizzi la stessa solerzia e la stessa meticolosa attenzione, per tutti i casi elementari simili al mio” .

Pubblicato il: 13 Dicembre 2013

About these ads

11 pensieri su “#Buccinasco : Sopralluogo a casa Pruiti. Tutto regolare

    Rino Pruiti ha risposto:
    13 dicembre 2013 alle 6:19 pm

    Se ne occuperà Bruno Vespa in una puntata speciale di ‘porta a porta’ con tanto di plastico a grandezza naturale. Imperdibile

    Andrea Demarchi ha detto:
    13 dicembre 2013 alle 8:17 pm

    Manca la seconda parte dell’articolo. Purtroppo è stato erroneamente suddiviso in due parti. Giusto per completezza ve lo sottopongo
    Saluti

    http://sionomagazine.netweek.it/notizie/cronaca/buccinasco-br-un-caso-unico-3144355.html

    Rino Pruiti ha risposto:
    14 dicembre 2013 alle 7:47 am

    Ah ok Andrea, non avevo visto che erano riportate anche le mie esternazioni. Aggiungo il pezzo in coda al post. Grazie

    Rino Pruiti ha risposto:
    14 dicembre 2013 alle 7:59 am

    Mi sa che ‘porta a porta’ non basta più, non è all’altezza della situazione, questo caso va oltre, leggo di gente che ‘indaga seriamente’ usando google maps, confrontando fotografie, documenti antichi, chiedendo agli uffici altri documenti, verificando se mi posso permettere o non mi posso permettere due locali con cucina abitabile a Buccinasco, chiedendo se la mia scala che porta in cantina ha il certificato antisismico, di che colore è, dove è stata costruita e da chi (nome, cognome e fede politica dell’operaio cinese), in che giorno e chi era il camionista serbo (non servo) che l’ha trasportata al negozio…

    Sembra si stiano interessando anche a quale lavanderia uso, questo perchè dalle foto gli ‘indagatori’ hanno rilevato che le mie mutande sembrano troppo bianche e quindi sospettano sia stato usato un detersivo non consentito dalla legge in Italia.

    Ma non potevate semplicemente citofonare che vi facevo entrare così sfogavate la vostra infame morbosa ossessione ?!!!!

    Marco Ciutti ha detto:
    14 dicembre 2013 alle 11:09 am

    Rino immagino che avrai fatto tutte le querele per diffamazione e denunce varie, ti consiglio anche una causa civile per danni verso i responsabili perseguiti penalmente, se questi non dovessero essere individuati dalla giustizia ne risponde il comune, lo so che è una magra soddisfazione per uno come te ma un’entrata economica importante ti può sempre fare comodo, anche se con i tempi dei tribunali ci vorrà qualche anno, magari ti compri veramente una villa :-). In bocca al lupo e non esitare a chiedere se ti serve consulenza, come legale sono a disposizione.

    Rino Pruiti ha risposto:
    14 dicembre 2013 alle 11:13 am

    Grazie Marco

    Anonimo ha detto:
    15 dicembre 2013 alle 11:30 pm

    Azz … ma cosa è successo ?!? Hai scoperto la fusione fredda e non ce l’hai voluto dire ???

    fcoraz ha detto:
    16 dicembre 2013 alle 2:24 pm

    Ho letto su un blog locale che non tireresti sempre la corda quando usi il water e che useresti carta igienica aromatizzata all’uranio impoverito che inquina la falda acquifera per i decenni a venire, cosa rispondi?

    Rino Pruiti ha risposto:
    16 dicembre 2013 alle 2:26 pm

    Non ho la ‘corda’ ma il water ha il rubinetto, che è vietato, quindi peggio…

    tipi ha detto:
    16 dicembre 2013 alle 8:18 pm

    Tutta invidia!

    […] Si o No Magazine – Il giornale dei Navigli – In un comune di 27.000 abitanti circa, ci sono: un dipendente anonimo del Comune, un blogger, un consigliere d’opposizione e due di maggioranza. Detta così, sembra l’inizio di una barzelletta. In realtà, questi sopra elencati sono gli strani protagonisti della vicenda che sta tenendo banco a Buccinasco. Il vero oggetto del contendere è rappresentato da alcuni documenti che per l’appunto sono usciti fuori dal Comune e che dopo un lungo (e non naturale) peregrinare sono tornati, dalle mani dei protagonisti di cui sopra a quelle dei Carabinieri , e quindi dell’ente stesso. […] Leggi l'articolo completo su Rino Pruiti [il blog] Buccinasco […]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...