ASSAGO : PROTESTE CONTRO IL CIRCO CHE SFRUTTA GLI ANIMALI; A BUCCINASCO LO ABBIAMO IMPEDITO DAL 2009

Postato il

no-al-circo-evento-letteraBuccinasco – Leggo su “IL GIORNO” di oggi che gli amici dell’Associazione “Nemesi Animale” hanno vivacemente protestato davanti al municipio di Assago, perchè lo stesso non conceda più l’autorizzazione ai circhi che sfruttano e tengono in schiavitù gli animali.

Massima solidarietà e vicinanza all’associazione animalista, ma temo che l’attuale amministrazione comunale di Assago non sia molto sensibile alla questione.

Purtroppo la legge italiana non permette ai Comuni di vietare al circo di attendare, quindi l’escamotage trovato, per la prima volta ad Alessandria e poi copiato in tante diverse città e regioni, è quello di prevedere delle restrizioni, con spazi necessari per gli animali e altri vincoli che nessun circo può rispettare.

Infatti a Buccinasco, quando ero Consigliere di opposizione alla Giunta Cereda, ho chiesto di modificare il regolamento in maniera più restrittiva, la proposta è passata all’unanimità.

Adesso che stiamo governando, insieme al collega Assessore Samuele Venturini, con la collaborazione dell’Ass. locale animalista “Tom & Jerry“, abbiamo riscritto nuovamente il regolamento – erano rimasti fuori gli animali acquatici e i rettili –  che porteremo in uno dei prossimi consigli comunali.

Una volta approvato il nuovo regolamento, sarà praticamente impossibile per chiunque faccia spettacoli con animali (fosse anche un pesciolino rosso) “accamparsi” sul territorio del nostro Comune per fare spettacoli.

Rino Pruiti
Vice- Sindaco e Assessore
Buccinasco Italia
http://rinopruiti.wordpress.com

About these ads

18 pensieri su “ASSAGO : PROTESTE CONTRO IL CIRCO CHE SFRUTTA GLI ANIMALI; A BUCCINASCO LO ABBIAMO IMPEDITO DAL 2009

    pruiti ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:26 am

    Reblogged this on Rete Civica Buccinasco.

    […] ASSAGO : PROTESTE CONTRO IL CIRCO CHE SFRUTTA GLI ANIMALI; A BUCCINASCO LO ABBIAMO IMPEDITO DAL 2009. […]

    Gas ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:36 am

    Nobile gesto preoccuparsi degli animali peccato in giro ne rimangono un po troppi su due gambe che quotidianamente fanno piu danni di un circo.
    Ma si è mai pensato che fine farebbero tutte quelle famiglie che vivono di questo lavoro? Un circo senza animali non va a vederlo nessuno a meno che non si chiami cirque du soleil. Invece di adottate soluzioni così estremistiche non sarebbe meglio trovare una soluzione che faccia contunuare a far sopravivere quest antica tradizione?

    pruiti ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:39 am

    Si Gas, a zappare… non è vero che non si può fare il circo senza animali, ne ho visti diversi molto interessanti e molto belli. Le famiglie che vivono di questo “lavoro” sono molto molto poche.

    NO CL ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:44 am

    era un pochino che non venivo a scriverlo dai, fammelo scrivere : c’è solo Pruiti !!!

    Gas ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:45 am

    Rino occhio che il naso ti si allunga troppo a dire bugie.
    Ho visto anche circhi senza animali carini ma che fine hanno fatto.
    Infine fossero anche poche le famiglie che vivono cosi meritano rispetto e considerazione (sempre che trattino gli animali con dignità) come chiunque altro onesto lavoratore.

    pruiti ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 9:51 am

    appunto, nessun rispetto da parte mia per chi tortura gli animali in quel modo, se vai in rete e hai lo stomaco forte puoi farti una “cultura”. Guarda che se giri un pò l’europa vedi tanti artisti di strada o piccoli circhi molto belli e partecipati.

    Ermanno Callegari ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 10:18 am

    fa piacere avere finalmente un’amministrazione comunale attenta al territorio, seria e sensibile su tutti i fronti. bene brarvi bis e continuate così

    emilio duminuco ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 11:57 am

    Rino, ad Assago esiste il regolamento per il benessere animale, che abbiamo approvato nel 2005 durante la Giunta Raimondo.
    Con quel regolamento (elaborato in collaborazione con associazioni animaliste e servizi veterinari ASL) abbiamo impedito che al Forum si facessero manifestazioni tipo “La mostra del Cucciolo”, “Tropicalia”, “Esotica” o che si vendessero animali nelle fiere e si tutelasse il loro benessere negli allevamenti (vietiamo anche i pesciolini rossi nella boccia!!!).
    Per i circhi è vietato far esibire gli animali selvatici ed esotici. Purtroppo vi è il problema dei circhi che hanno ancora questi animali e che certo non possono abbatterli o liberarli. Ad essi è consentito soltanto di attendarsi ma non farli esibire.

    Mi auguro soltanto che l’attuale amministrazione non conceda deroghe o modifiche il regolamento

    Per chi fosse interessato il regolamento è pubblicato nel sito del Comune di Assago

    Emilio Duminuco
    (ex assessore all’ambiente di Assago)

    pruiti ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 12:01 pm

    Emilio, ti mando il nostro, all’interno vedrai che “non è vietato attendarsi” ma lo puoi fare se hai gli spazi prescritti, sia che tu faccia esibire gli animali sia che te li porti dietro solo perchè li hai. Ad Assago si sono esibiti eccome !

    Samuele Venturini ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 12:59 pm

    Tutti gli esseri viventi hanno una dignità e non è nè umano, nè etico nè etologicamente corretto per queste creature essere usate come oggetti di spettacoli e attrazioni per il solo fine economico. Che educazione si insegna ai giovani? Lo sfruttamento (che non è da considerarsi arte o lavoro) non deve essere tollerato per nessun essere senziente. “la civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali” (M. Gandhi)

    Roberto ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 1:48 pm

    Gandhi ha proprio ragione e non capisco come mai ad Arcore nella Villa San Martino non si è intervenuti alla stessa maniera per salvaguardare “le maiale” del circo BUNGA BUNGA ….anche loro come dice Venturini erano creature usate come oggetti di spettacoli ed attrazioni per il solo fine economico….che educazione si insegna ai nostri giovani…??
    Lo sfruttamento non deve essere tollerato per nessun essere senziente….e la civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta le ……..

    Gas ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 3:04 pm

    Esistono vari metodi per misurare la civiltà di un popolo non solo questo. Se poi vogliamo discuterne rischiamo di deragliare. Ls questione è semplice ogni essere ha pari dignità ma come mai nessuno critica chi tiene un cane o un gatto in casa privandolo della libertà? Dicasi altrettanto per pesci tartarughe etccc… bello farsi moralisti toccando l argomento circo, si sfonda una porta aperta ma il resto? Anche l essere umano è sfruttato dal suo simile ma forse questo non conta di parla della stessa specie. ……….
    Rino io sono con te ma certi discorsi estremisti e moralisti sarebbe bene non farli.b

    pruiti ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 3:14 pm

    Gas, io posso perchè sono coerente, mi occupo dell’uomo e rispetto l’animale. Gli animali domestici sono una cosa, quelli “non domestici” un’altra. Non stai mica parlando con uno che si occupa di una cosa sola. Bello sarebbe se tutti si occupassero almeno di una cosa che non va, di un diritto negato o di una solidarietà x qualcosa o per qualcuno.
    Ti incollo il motto del blog: “Noi vogliamo essere le radici, che in periodi di esondazioni e nubifragi aiutano la terra a tenere. Siamo radici di memoria, di valori, di forza e di progetto. Siamo radici perché stiamo dentro e non altrove. Siamo radici perché siamo comunità solidale. L’albero che rigeneriamo si chiama Costituzione della Repubblica Italiana”

    Samuele Venturini ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 3:17 pm

    Attenzione, esiste la fauna domestica (cani, gatti e altri animali in grado di adattarsi a VIVERE con l’uomo, con le dovute eccezioni ovviamente) e non è sfruttamento. Esiste il benessere animale, la zooantropologia, l’etologia relazionale, ecc. Certo capisco che siano argomenti vasti e poco digeribili dalla maggior parte, ma siamo qui anche per questo. Poi ognuno è libero di criticare (anche perchè se non ci fossero le critiche significherebbe che non si sta facendo nulla), fantasticare, etichettare quanto e come vuole, ma io personalmente mi attengo all’argomento e alle conoscenze scientifiche e legislative.

    Anonimo ha detto:
    4 gennaio 2013 alle 11:13 pm

    Il mondo è bello perchè è vario. Tutto diventa ancor piu magico quando si discute civilmente, possiamo non condividere un idea ma dobbiamo rispettarla.
    Rino, io in pole position a zappare, ci manderei il 90 per cento (se non più) della classe politica italiana, dopo, se rimangono posti disponibili, ci mandiamo anche i disoccupati circensi.

    anto ha detto:
    5 gennaio 2013 alle 6:17 pm

    Bravi!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...