Buccinasco : Via l’addizionale per pensionati monoreddito e precari

Postato il Aggiornato il

irpef2013 comunale
irpef2013 comunale

BUCCINASCO – NIENTE Irpef per chi ha un reddito imponibile inferiore ai 15mila euro annui mentre per chi li supera nuove aliquote rimodulate in base agli scaglioni. Tra i primi atti di questo 2013 l’amministrazione comunale rivede la pressione fiscale sgravarido dall’imposta comunale famiglie monoreddito pensionati e precari che secondo le stime dell’ente pubblico sono circa 3.000 contribuenti.

«ABBIAMO deciso di mantenere costante al livello del 2012 il gettito complessivo – spiega l’assessore al Bilancio, Ottavio Baldassarre – non avremmo potuto agire diversamente poiché si chiedono ai Comuni interventi di aiuto che non sarebbero possibili se non si lavorasse sulle entrate dirette. Ma abbiamo fatto uno sforzo importante, abbiamo deciso di modificare l’andamento delle aliquote creando una proporzionalità e quindi dando un segnale di maggiore equità e solidarietà nei confronti delle fasce di reddito più deboli.

Si potrà mantenere lo stesso gettito e quindi rispettare il patto di stabilità e la parità di bilancio, incidendo maggiormente su chi ha un reddito maggiore, in particolare a chi dichiara oltre 75 mila euro».

L’aliquota lrpef introdotta nel 2011 dal commissario prefettizio era stata fissata allo 0,5% ed è ora caratterizzata da un criterio di progressività analogamente all’lrpef nazionale. «Non possiamo permetterei più il lusso di evitare l’addizionale comunale se vogliamo mantenere la parità di bilancio», spiega il sindaco Giambattista Maiorano.

Fra. San.
IL GIORNO 3 gennaio 2012

About these ads

3 pensieri su “Buccinasco : Via l’addizionale per pensionati monoreddito e precari

    Gaetano Rotta ha detto:
    6 gennaio 2013 alle 9:03 am

    Gradirei una precisazione, perchè nel sito del comune non si parla di famiglie monoreddito. Sembrerebbe che il sottoscritto che ha un reddito di 30 Keuro paga, mentre due coniugi che raggiungono lo stesso reddito sono esenti. Vele la pena di precisare e/o correggere una normativa di stampo Montiano.

    pruiti ha detto:
    6 gennaio 2013 alle 9:15 am

    Gaetano, si dava per scontato, comunque correggeremo e spiegheremo meglio. Grazie

    Anonimo ha detto:
    6 gennaio 2013 alle 3:35 pm

    Cambiando argomento: come funziona ‘sto redditometro? Qualcuno lo ha capito? Gli evasori acquistano in contanti e i negozi di beni o abbigliamento o viaggi di lusso non sono tenuti a registrare i clienti….(per ovviare alla normativa è sufficiente rateizzare l’acquisto in tranche da 999 euro).
    Invece un povero dipendente che magari con i risparmi di anni si è acquistato dal 2009 in poi un appartamento, un auto, un box…(e quindi automaticamente supera del 20 per cento il proprio reddito) riceverà in automatico l’accertamento?? E’ vero che quest’ultimo non ha nulla da nascondere, ma vuoi mettere la rottura di scatole, di tempo,…oltre il danno la beffa!!
    Befanina

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...