Buccinasco : Una svolta per i trasporti pubblici

Postato il Aggiornato il

bus2Anni di attesa, incontri, richieste di comitati. Finalmente arrivano i risultati: il primo bilancio dell’Amministrazione Maiorano consentirà una svolta importante per la politica dei trasporti pubblici, finalmente diventati una priorità amministrativa. Nel Bilancio  di previsione 2013, infatti, la Giunta intende stanziare un aumento del 50% dei fondi comunali.

Per migliorare il servizio infatti il Comune è di fatto costretto ad investire, anche se per legge il titolare del trasporto extraurbano in area metropolitana è il Comune  di Milano, che stipula poi convenzioni con i singoli Comuni. Attraverso una gara pubblica Palazzo Marino ha scelto ATM: rispetto alla  situazione storicizzata, per ogni chilometro in più a Buccinasco il Comune di Milano chiede di corrispondere la somma di 3,84 euro più Iva. Non è possibile, tra l’altro, cambiare fornitore né gestire i trasporti autonomamente (non si potrebbero superare i confini  comunali).

Nei mesi scorsi il Gruppo di lavoro sui trasporti formato da consiglieri comunali, associazioni, comitati e singoli cittadini ha individuato diverse priorità, come il prolungamento della linea 321 da via Lario a via Lomellina, una maggiore frequenza serale  della 351 (ogni 15 minuti, anziché ogni 20), rivedere gli orari e aumentare le corse mattutine da Buccinasco a Romolo e Bisceglie, ma anche istituire il servizio festivo della 351 e prevedere il passaggio degli autobus anche in via Scarlatti (Quartiere dei Musicisti). “Visti i costi non si potrà ottenere tutto da ATM e dal Comune di Milano – spiega l’assessore ai Trasporti Rino Pruiti – ma pensiamo di puntare soprattutto sulle corse del mattino per Bisceglie e Romolo, sul passaggio della 351 o della 352 in via Scarlatti  e sulla richiesta del servizio festivo della 351 con passaggi ogni ora, almeno per mezza giornata”.

La decisione finale sarà presa a metà dicembre quando si riunirà nuovamente il Gruppo di Lavoro: “Mettiamo così in pratica la democrazia diretta – conclude Pruiti – nella filosofia di Agenda 21”.

About these ads

14 pensieri su “Buccinasco : Una svolta per i trasporti pubblici

    [...] Buccinasco : Una svolta per i trasporti pubblici. [...]

    pruiti ha detto:
    4 dicembre 2012 alle 3:05 pm

    Reblogged this on Per Buccinasco.

    Roberto ha detto:
    4 dicembre 2012 alle 7:05 pm

    Mi pare un buon lavoro e un bel regalo di S.Natale per chi usa i mezzi pubblici.

    Dopo anni ed anni di Agenda 21 si vede qualcosa di concreto,o mi son perso qualcosa?

    Antonio ha detto:
    4 dicembre 2012 alle 7:53 pm

    Spieghiamolo ai cittadini che non utilizzano il PC

    Gas ha detto:
    4 dicembre 2012 alle 10:51 pm

    Buon lavoro

    gm ha detto:
    5 dicembre 2012 alle 8:54 am

    Le tariffe…….

    pruiti ha detto:
    5 dicembre 2012 alle 8:56 am

    gm@, quelle non dipendono dal nostro Comune

    Anonimo ha detto:
    5 dicembre 2012 alle 6:37 pm

    Senza nulla togliere a chi abita lontano, vorrei informarvi che anche a Milano la gente non ha l’autobus sotto casa (costo chilometro) Da via Lario a Via Lomellina saranno 500 metri. E anche al quartiere dei musicisti due passi non farebbero male a nessuno. Camminare fa bene. Per tenersi in forma la gente va in palestra ma poi vuole l’autobus al portone di casa. Si potrebbero rivedere i giri (tortuosi) degli autobus (vedi via Di Vittorio dove mi hanno detto salga pochissima gente) Accorciando i percorsi, con gli stessi chilometri, si possono aumentare le corse negli orari di punta permettendo a tutti di trovare posto, oltretutto il percorso più corto permette anche di impiegare meno tempo. Automobilista per obbligo.

    andrea vigo ha detto:
    6 dicembre 2012 alle 9:18 am

    per anonimo: io salgo in via di vittorio e non mi risulta che salga pochissima gente. idem per le altre fermate lungo il pecorso.
    tralascio le spiegazione, troppo lunghe
    la tua frase “Accorciando i percorsi, ..” è campata in aria. non è che diminunendo il “giro toruoso” risolviamo il problema.

    Roberto ha detto:
    6 dicembre 2012 alle 7:39 pm

    Io non uso l’autobus ma i miei figli si e pure mia moglie.
    A sentril loro tre….ci vuole una frequenza maggiore solo nelle ore di punta di andata e ritorno scuola -lavoro- ufficio- e una frequenza minore negli altri orari, cosa che è ben emersa dai gruppi di lavoro e che si stà attuando e quindi siamo in buone mani.
    Non credo che diminuire il tragitto degli attuali autobus sia la soluzione migliore.

    Un’ottima soluzione è un bike sharing che permetta a noi di Buccinasco di arrivare ad esempio al naviglio a Milano nei pressi della 47 o della prima fermata su Milano che poi è poco distante dalla 47 …. ma poi ….ci vorrebbe una rastrelliera lunga un chilometro…..!!!

    Gas ha detto:
    7 dicembre 2012 alle 11:03 am

    Si potrebbero anche rimodulare ex novo i percorsi delle tre linee di mezzi pubblici che interessano il comune, evitanto inutili e dispendiose sovraposizioni. Dividendo il comune in tre aeree ognuna servita da una linea così tutti sarebbero felici e contenti di avere un bus vicino casa per recarsi alla linea metropolitana di romolo, assago o bisceglie. L’importante è arrivare alla metropolitana senza gironzolare per tutto il comune. Certo qualcuno potrebbe obbiettare che quella fermata della metropolitana non è quella che gli interessa ma penso questo sia un buon sistema per evitare di fare figli e figliastri.
    Così penso ci guadagnere l’amministrazione comunale (risparmierebbe qualcosa su km percorsi), tutta la cittadinanza ed infine anche l’ambiente.

    Che ne pensi Rino?

    pruiti ha detto:
    7 dicembre 2012 alle 11:15 am

    GAS, è un po’ più complicato perchè ci sono delle esigenze tecniche di AT che vanno considerare, all’interno del gruppo di lavoro sono emerse delle proposte fattibili con l’attuale stanziamento, adesso bisognacominciare a decidere i primi interventi per il potenziamento, poi si può sempre aggiustare il tiro dopo un certo periodo di sperimentazione. Vorrei partire subito con le proposte perchè comunque ATM ci mette un po’ ad ottemperare.

    Gas ha detto:
    7 dicembre 2012 alle 11:21 am

    Certo tutto è complicato altrimenti non staremo qui a parlarne ma che senso ha spendere soldi per far passare gli autobus nella stessa via? Non abbiamo una downtown turistica ma l’esigenza principale sia andare a scuola e lavoro. Poi ci sono certo altre situazioni ma in una scala di priorità io la vedo così. Cmq come sempre buon lavoro

    elena60 ha detto:
    12 dicembre 2012 alle 12:22 am

    Mia figlia mi informa che è aumentato il numero dei ragazzi che prendono la 351 sia per Romolo che per Bisceglie, bisognerebbe poter aumentare la frequenza sia dell’uno che dell’altra, almeno nell’orario scuola, tenendo conto che arrivati alla metro i ragazzi hanno ancora strada da fare…
    Anche per il ritorno purtroppo da Bisceglie c’è solo una corsa alle 13.25!
    Sono sicura che farete del vostro meglio, buon lavoro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...